Translate

giovedì 23 aprile 2015

LA CAPRETTINA -poesia estemporanea in dialetto romanesco,nata sui siti d'incontri web e dedicata a Gioacchino Belli







Una capretta giovane e insicura
s’avventurò ner monno 
in cerca d’avventura…
La  caprettina voleva trovare
erba pulita e un maschio pe’figliare;
ma un maschio giusto, senza grilli in testa,
senza “ma” nè “mò” che stretta, stretta
se la tenesse al core suo con vero amore  
e la lasciasse con le corna sole
che la natura regala alla so’razza
Trovò un prato e venne una cornacchia,
vennero i lupi, venne lo sciacallo,
vennero ciuchi e un rozzo pappagallo,
vennero anche i caprettini giusti
che brucavano l’erba attorno, tutti, tutti.
Falsa e strisciante, sul fare della sera,
venne e s’avvicinò una vecchia jena.
Aprì la bocca e disse: ”Che fai bella?
Questo è il prato dei lupi, stupidella!
Sei ingenua assai, ma non te preoccupare,
te aiuto io, e gratis, a non farte del male!
Io della vita ci ho esperienza tanta e sottile,
savia e sapiente son, sebbene mi dican vile.
L’ho vissuta “alla grande”, sai, la vita mia.
Ci ho messo stile, pisicologgia, eleganza,
e ho ramazzato sempre, a destra e a manca,
e ancor oggi - sapessi! - che bboni bocconcini,
m’ingollo ancora ne’parchi de’ bambini!
Pecché questo è il punto dolente, bella mia,
te, tra i bambocci cerchi la to’via
e pure te sei bimba, stupidotta,
se non te cresci, se non te dai una smossa!
Ma che te vo’ marita’? Ma che vò fiji?
Ma senti a me che ce ne ho avuti tanti!
Ascolta a sora che te consijia bbene!
Coossa? Che dici? Ma che bbabbo,che nonno!
Io sò er più forte che c’esiste ar monno!
E te posso imparare tante cose bbelle,
e darte questo e quello, e sole e luna e stelle!”
Siccome allora quella non ce stava
e “Smamma bbella!” belava e gridava,
cominciò sora jena a seccarse un tantino e disse:
“Dio! Come se’volgare, che zoticona rara!
Te manca stile per trovà er marito, cara,
Forse se te consijio ce riesci,
ma sola così, nel prato, e zotica per giunta,
brucherai sola finchè sarai defunta!”
Cambiò lesta la capra toni e strateggia, 
je rispose garbata e sorridente:
“Te mi hai persuaso, jena,se’tanto convincente.
Imparami, te prego!
Tanto insicura e fraggile me sento,                      
che a dirozzarme un poco a te me prendo!
E dimme: come te paio? Sò bella?
Abbastanza accettabbile te sembro?
Dimme, è possibbile in me un cambiamento?”-
“Vedremo… forse, cara fessacchiotta… ”
rispose sora che se’credeva scaltra e furbacchiotta,            
e se fregava le mani e pure i piedi
“Ma se te dico una cosa strana, me credi?”
“Certo!” rispose sorniona la capretta,
 che se tirava l’amo col pescione e l’esca,      
“An vedi che vicino a me, stella,
hai già imparato stile: te... se’ molto più bbella!
Da che me ascolti, te se’ già cambiata:
un’altra capra, bimba, mi se’diventata!”