Translate

venerdì 20 luglio 2012

Lei, serpente: Parole e immagine attorno all’ archetipo universale della Grande Madre, nelle fantastiche sembianze di un animale simbolico

"Lei, serpente"
--collage e tecnica mista 40x30
alla mostra "Anomali"della libreria Cibrario di Acqui Terme



Dea serpente, grande madre,
mutevole è il tuo volto
ambivalente:
insieme luce e tenebra
è distruzione,
rinnovamento,
trasformazione.
Isthar, pallida luna,
vergine e madre,
fertile signora del latte,
immagine triforme,
mediatrice,
signora della casa e della notte
Tezcatlipoca, stella della sera,
distruttrice –rigeneratrice.
Uto, sinuosa signora della fiamma,
grande ponte gettato
tra cielo e terra
Metis, sorgente di vita,
seminatrice.
Sir, Athana,
Tiāmat, signora del mare,
mostro del caos,
madre di serpenti.
Ayda-Wedo, cangiante arcobaleno,
signora del grano e della pietra preziosa,
nostra cara Terra, serpente.

"Lei, serpente"--collage e tecnica mista 40x30 alla mostra "Anomali"della libreria Cibrario di Acqui Terme

domenica 8 luglio 2012

CHUMPCHUMPCHUMP

Futurismo:Rougena Zatkova



CHUMPCHUMPCHUMP

Libera interpretazione della prima parte di :
” ZANG TUMB TUMB”
("Bombardamento di Adrianopoli" 1914)
di Filippo Tommaso Marinetti

Ogni 5 secondi auto da pirla sventrare lo spazio con un accordo CHUMP-CHUMP-CHUMP ammutinamento di 500 echi per azzannare sminuzzare sparpagliare il silenzio (?) di un monotono giorno di caos estivo metropolitano e/ o balneare all'infiniiiiiiito nel centro di quel CHUMP-CHUMP-CHUMP spiaccicato (ampiezza 50 kmq) camminare anzi barcollare sotto un sole da 3 millennio (45 gradi all'’ombra) in strade e piazze senza 1 albero nuotare nel mare pseudo Mediterraneo verde- giallo- melma e/o rilassarsi /eccitarsi in spiagge di folle sterminate oscenamente nude / seminude e/o in burqa violenza di bottigliette di vetro (anche rotte) nella sabbia ferocia di istruttori di danze pseudocaraibiche mostruosamente tatuati e palestrati re-go-la-ri-tà questo basso grave scandire strani folli agitatissimi acuti sogni (miei)di sterminio
Furia affanno orecchie o quello che di esse ancora ci resta occhi narici intontiti! Ipnotizzati! Omologazione O-MO-LO-GA-ZI-O-NE! Che palle vedere udire fiutare tutto tutto questo CHUMPCHUMPCHUMPCHUMPCHUMPCHUMPCHUMP mitragliato dalla nostra innovativa musica d'innovazione ronzare a perfidiato e sotto i (suoi) morsi gli ultimi residui dei cervelli fondersi don-der-si e amalgamarsi in un solo bizzarro viscido melmoso frustrato appiccicoso golem totemico democraticamente uguale u-gu-a-le per tutti e con vivo e moderno senso mu-si-ca-le!!!




Futurismo:"La guerra" di Giacomo Balla



” ZANG TUMB TUMB ”

(Bombardamento di Adrianopoli 1914)
di
Filippo Tommaso Marinetti

":.... Ogni 5 secondi cannoni da assedio sventrarrre spazio con un accordo ZZZANG-TUMB-TUMB ammutinamento di 500 echi per azzannarlo sminuzzarlo sparpagliarlo all’infiniiiiiiito nel centro di quel ZANG.TUMP-TUMB spiaccicato (ampiezza 50 kmq) balzare scoppi tagli pugni batterie tiro rapido Violenza ferocia RE-GO-LA-RI-Tà questo basso grave scandere strani folli agitatissimi acuti della battaglia
Furia affanno orecchie occhi narici aperti! attenti! forza! che gioia vedere udire fiutare tutto tutto taratatatatata delle mitragliatrici strillare a perdifiato sotto morsi schiaffi TRAK TRAK frustate PIC-PAC-PUMB-TUMB PIC-PAC-TUMB-PUMB PIC-PAC-PUM





lunedì 27 febbraio 2012

venerdì 17 febbraio 2012

Venezia & la Follia ; Colori dell'inverno a Venezia


Osservate con quanta previdenza la natura, madre del genere umano, ebbe cura di spargere ovunque un pizzico di follia. Infuse nell’uomo più passione che ragione perché fosse tutto meno triste, difficile, brutto, insipido, fastidioso.
Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza, la vecchiaia neppure ci sarebbe. Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati godrebbero felici di un’eterna giovinezza.

La vita umana non è altro che un gioco della follia.
Venezia: Tondo & fioriVieni con me...Riflessi sull'acqua
musica!!!fumo...Panchina & margheritina...
Altolà!Ecco le maschere...  venditrici ambulanti...maschere meditabonde & pensanti...
& ancora mascherine...
mascherine...
... maschere barocche...& porte chiuse...
... barattoli...

nebbia...

Dove si va, ora?... all'osteria al bomba...
... o al cantinone...
... della seggiola... ... vetrine con tulipani di vetro...

... vetrina del tè......parrucche...& ancora vetrine...& vetrine..
...vetrine al sestier del Castello...
Ciao, Corto Maltese!
& vetri blu...
Che buono!Alt!
...stracci, posati lì come...
... panni stesi......mendicanti...

& ragazzine...

&... loro, senza maschera.tra sole & nebbia ...& malinconia.Ma in piazza...
& ancora musica!

& coccinelle...Grande spettacolo...& bambini...

lungo  un giardino segreto...in barca...
...turchese...
nell'ombra...
Stendardo & gondola......nell''acqua......fin su le  antiche scale...... nel verde...

riflessi arancione...... riflessi in multicolor...riflessi  in giallo, rosa  & verderiflessi & papera...
riflessi  & trasparenze...
 riflessi d'arte...& artistici graffiti...volti & cappelli...   
folla su tutti i ponti...& messicani...messicani...

Venezia & la Follia , un set su Flickr


Azzurro a Venezia
Dicembre a Venezia
I colori ghiacciati del Canal GrandeDecember in Venice
Il lenzuolo fucsiaRiflessi sull'acqua: smeraldoRiflessi sull'acqua: grigio e rosaRiflessi sull'acqua: rosa e azzurro

Riflessi sull'acqua: blu petrolio e turchese

Riflessi sull'acqua: grigio e lillaNeve a VeneziaRiflessi sull'acqua: verde, rosso e turchinoRiflessi sull'acqua: rosa e bluUn colombo a MuranoI plaids in gondola
Riflessi sui vetri 2Riflessi sui vetri 1Riflessi di BuranoCanale

Il lenzuolo rosso
Colori di Venezia d'inverno, un set su Flickr.