Translate

mercoledì 16 febbraio 2011

Riflessi sull'acqua


Riflessi sull'acqua

Spezzati, ritorti messaggi
sull'acqua,
riposti ritratti
di morbidi mondi sommersi.
Riflessi.
Un vuoto che attira,
un pieno che espande e dilata,
un liquido specchio che finge,
che stinge i colori di cieli violenti,
di case sbiadite, di acido verde
di gente smarrita
a volte delusa, a volte ancora sognante,
attoniti sguardi fissanti
riflessi sull'acqua..





Per entrare nel set fotografico "Colori di Venezia in inverno" (magalibobois su Flinckr), clicca su questa miniatura:
Il lenzuolo fucsia

Palermo: riflessi della villa Garibaldi (piazza marina) in uno specchioPalermo: riflessi della villa garibaldi (piazza marina) in uno specchio 2Ritratto in uno specchio (Assisi: Fiera medioevale) Riflessi in una pozzanghera  1Riflessi in una pozzanghera 2Riflessi sull'acqua: grigio e lillaRiflessi sull'acqua: blu petrolio e turcheseRiflessi sull'acqua: rosa e blu riflessi & papera...Riflessi  nelle botteghe d' antiquariato di Spello con self-portraitRiflessi sui vetri 1Riflessi sull'acquaRiflessi sull'acqua: verde, rosso e turchino CanaleRiflessi sull'acqua: grigio e rosain barca...riflessi barocchi in una finestra...Riflessi  in una finestra medioevale (Palazzo Abbatellis - Palermo)... della seggiola...
Inganni & riflessi , un set su Flickr.

martedì 15 febbraio 2011

Casa di Nina


Anni, secoli & millenni.

Le tue ricette di cucina

in minutissima calligrafia,

chiara, precisa, cerebrale

come un trattato di estetica crociana,

le ho conservate io,

che non so cucinare

e mi riservo ancora

di “cominciare a provare” sul serio,

tra non molto, chissà quando,

presto comunque … domani.


Anni, secoli & millenni.

Nella tua casa,

- 7 stanze al 7 piano

via Giuseppina Turrisi Colonna –

vive ora un’altra coppia

che stranamente ricalca

il modello di quella

che formasti tu

con lo zio.

Lui: bell’uomo, mite,

silenzioso,

disarmante nella sua signorilità;

tu: non bella, bruna, “piccolina”,

donna di carattere e cultura,

molto interessante,

archeologa, ma casalinga

perfetta - niente figli –

tranquillità, monotono

trantran delle giornate vuote

nella grande casa

dall’ordine maniacale

che terrorizzava me, tua nipote.

Ma se tu, ai tuoi tempi,

cercavi (invano) di nascondere

lo scettro del potere che impugnavi

saldamente

sotto un dolce sorriso,

alla”Melania Hamilton” per intenderci,

questa tua epigone del 2000

non se ne cura certo

e regna apertamente

sul tranquillo marito:

bionda, alta, psichiatra.


Anni, secoli & millenni.

La casa tace ancora,

ascolta forse

- che idea romantica! –

Ricorda gli “altri” giorni

appena dietro l’angolo del tempo:

gli “altri” odori, i sapori

dimenticati

- le ricette di cucina –

musiche, voci dalla strada

nelle mattine di sole d’inverno,

voci cantilenanti frutta &

verdura,

riparazioni audaci d’ogni cosa,

sapone e e e …

Finestre & lunghi balconi sul 195…

da cui lanciare

vecchi panieri nel vuoto

per acquisti & ricordi

ed osservare

da lontano, da molto lontano,

antiche scaglie di mare.