Translate

domenica 11 ottobre 2009

Dopo

"After the rain"





Non era riuscita a oltrepassarne la porta

negli ultimi anni che erano trascorsi.

E stava sulla soglia a tremare…

E tremava sulla soglia senza parlare…

Così non aveva più voce,non aveva più parole.

Poi - andò oltre- ne superò la soglia:

fu nella stanza buia

- oscurità luminosa, oscurità de-reale -

riuscì finalmente a parlare.

Le parole caddero come sassi in uno stagno

- fuori e dentro era inverno -

lo stagno e il suo cuore erano ghiacciati;

le parole caddero al suolo come ultime foglie

e l’albero, il suo amore, fu interamente spoglio.…


+


Nella piena solitudine non stava male:

tutti erano andati via, i vivi e i morti;

dopo giorni di gioia e di dolore e amore

e odio e indifferenza e riso e pianto,

gli spazi erano interamente vuoti…

non rimaneva che la musica del silenzio.

Come una fredda polla di acqua segreta

il silenzio la dissetava...


+


Bevve alla sorgente nascosta.

I cari nomi che ricordava ruppero il vuoto,

come versi di una canzone

salirono verso l’alto,

palpitarono nell’aria gelata…

poi, si dissolsero in pianto









Per entrare nel set fotografico di Magalibobois su Flickr:"Nuvole-Nuages-Clouds", clicca su questa miniatura:
-Bufera   -   Storm

Nessun commento:

Posta un commento